La Fiera del bestiame di Sonepur (Stato del Bihar).

 

E’ la più grande fiera di bestiame dell’India e, probabilmente, dell’Asia.

Poco nota ai non addetti ai lavori, si estende per sette km2 e attrae oltre ai commercianti, uno stuolo di rivenditori dei più svariati oggetti dai generi alimentari ai casalinghi, inoltre, maghi, acrobati, incantatori di serpenti, indovini, sadhu e tutto quanto di "esotico" l’India può offrire.

La fiera è almeno quattro volte più grande e più importante di quella, ben più famosa, di Pushkr, per quanto, forse, meno colorata, sotto il pallido sole tardoautunnale del Bihar del nord. Si svolge, infatti, a partire dal plenilunio del mese Kartika Purnima ( 27/11/01 ) e dura da un minimo di 15 fino a 30 giorni

Qui è possibile trovare e acquistare praticamente tutti i tipi di animali viventi in India, suddivisi in aree distinte tra di loro. Un elefante, ad esempio, si può acquistare per una somma variabile dalle 10.000 alle 100.000 rupie ( la rupia indiana vale attualmente circa £. 50 italiane ) a seconda dell’età e delle condizioni.

La fiera si svolge nell’Haathi Bazaar di Sonepur in prossimità della confluenza del fiume Gandak nel Gange.

Per raggiungere Sonepur da Patna, capitale dello stato nord orientale indiano del Bihar, da cui dista 27 km, si impiega circa 1 ora e mezzo con i mezzi pubblici.

Dalla stazione degli autobus di Patna si raggiunge Hajipur, dopo una lunga sosta intermedia all’imbocco del lungo ponte sul Gange ( 7 km e mezzo ), allo scopo di riempire fino all’inverosimile l’autobus (costo 12 rupie). I pochi km da Hajipur a Sonepur vengono percorsi a mezzo di jeep o risciò collettivi (costo 5 rupie).

Per chi volesse fermarsi a Sonepur il Bihar State Tourist Development Corporation (BSTDC) organizza un villaggio turistico durante la fiera. Un cottage per due costa 500 rupie, mentre un letto in un dormitorio da venti costa 75 rupie. Si può prenotare al BSTDC ( tel. 0612-225411/210219 ), i cui uffici sono situati nel KAUTILIYA VIHAR Tourist Bungalow, in prossimità della stazione principale degli autobus di Patna.

 

Avvertenza:

 

Pochi turisti si avventurano nel Bihar, lo Stato più povero dell’India, per quanto possieda aree di grande bellezza naturale e importanti monumenti e luoghi di culto, soprattutto buddhisti.

Tutto ciò a causa del banditismo diffuso, della guerriglia di tipo maoista che interessa soprattutto la parte meridionale dello Stato, dell’instabilità politica con frequenti scioperi e dimostrazioni e della carenza di infrastrutture turistiche. Si sono verificate rapine a danno di autobus turistici o macchine private, fermati da falsi poliziotti, finti lavori in corso o incidenti simulati.

Per ridurre il pericolo, il governo del Bihar ha promesso una scorta armata a tutti i turisti stranieri, che può essere ottenuta, se richiesta con un po’ di perseveranza, dalla polizia.

 

 

 

 

FILE1.JPG (28185 byte)
FILE2.JPG (19605 byte)
FILE3.JPG (26719 byte)
FILE4.JPG (27263 byte)
FILE5.JPG (33336 byte)
FILE6.JPG (21317 byte)
FILE7.JPG (22369 byte)
FILE8.JPG (23171 byte)